I tassi di interessi negativi portano a una progressiva decrescita del capitale depositato (iStock)

Interessi negativi, panacea per la finanza

di Generoso Chiaradonna

Una politica monetaria a tassi negativi è una condizione con cui l’economia svizzera fa i conti, letteralmente, da ormai cinque anni. Era il 15 gennaio 2015 quando la Banca nazionale annunciò, molto a sorpresa, il cambiamento di strategia per combattere l’apprezzamento del franco svizzero. L’istituto di emissione abbandonò la difesa della soglia di cambio minima di un franco e venti centesimi per un euro, decisa solo tre anni prima, per sostituirla con “i tassi d’interesse negativi”: un ossimoro e un paradosso finanziario prima di allora. La liquidità in franchi delle banche commerciali depositata sui conti giro della Bns è quindi da cinque anni tassata con un rendimento negativo dello 0,75%.

 
Ora in onda Radio svizzera classica In onda dalle 1:30
Brani Brani in onda Solo for a Brother With Perfect Timing [For AI] - Lucian Ban Elevation Ore 1:45