(iStock)

La libraia e lo smart working nel nostro futuro

di Marialuisa Parodi

Siamo nel bel mezzo di una recessione provocata da circostanze mai registrate prima. Non si è trattato di una guerra né di uno shock finanziario, semmai un evento assimilabile ad una catastrofe naturale o a un 11 settembre, se non fosse che la pandemia ha riguardato l’intero pianeta, ancora non sappiamo se e come si ripresenterà e nemmeno abbiamo dati certi su quale strategia sia stata più efficace nel contrastarla, perché tra i paesi che hanno imposto i lockdown e quelli che hanno puntato sulla responsabilizzazione individuale non sembrano esserci differenze così profonde nell’evoluzione dei contagi.

Le imprese raccolgono i cocci senza sapere se li ritroveranno tutti e nel dubbio che forse nemmeno conviene rappezzare qualcosa che si è rivelato tanto fragile: pensiamo alle filiere produttive, sempre più industrie si stanno orientando ad accorciarle e renderle più sicure, piuttosto che ripristinarle; un processo per niente semplice e tantomeno rapido, di cui è difficile oggi anticipare gli effetti.

 
Ora in onda Attualità culturale In onda dalle 18:00
Brani Brani in onda Com'e bella la citta - Giorgio Gaber Ore 18:21