(iStock )

Tasse: lasciate in pace i robot

di Marco Salvi

Plusvalore
Lunedì 31 ottobre 2016 alle 12:20

 

I robot fanno paura. Molti temono che rimpiazzino gli umani non solo per compiti semplici ma anche per lavori ad alto valore aggiunto quale medico, bancario o cronista di Plusvalore. Per i robot-pessimisti sarebbe ora di considerare la tassazione delle macchine, alla pari di quelle delle persone o delle società.

Si tratta di un’idea alla moda – ma non è accorta. Le imprese sono tassate per motivi di ordine pratico, non filosofico. Per il fisco è difficile rintracciare i dividendi, soprattutto quando gli azionisti sono sparsi in tutto il mondo. L’imposta sulle società garantisce un’imposizione minima di tali redditi. Inoltre è più vantaggioso tassare qualche migliaio di imprese piuttosto che milioni di contribuenti (o di robot).

Del resto, a pagare l’imposta sui robot, non sarebbero le macchine stesse ma bensì i loro proprietari, come non sono i cani a versare l’imposta sui cani. Questa nuova tassa non sarebbe quindi nient’altro che un carico supplementare sul reddito del capitale.

Infine, anche se è ormai possibile concepire macchine più intelligenti, è altamente improbabile che esse migliorino in modo uniforme su tutti i campi di attività umana. Per intenderci: Il robot-editorialista di talento non nasce dall’oggi al domani. A noi umani rimarranno vantaggi comparativi su cui puntare. In un mondo reso iperproduttivo grazie alle macchine, ciò sarà sufficiente a garantire salari in forte aumento.

È quindi concepibile una situazione in cui il potere d’acquisto degli umani cresca in modo tale da indurre molti ad abbandonare il mercato del lavoro per dedicarsi esclusivamente al tempo libero. A termine, ciò renderà opportuno aumentare l’imposizione del consumo umano, ma certamente non quella dei robot.

Ora in onda Radio svizzera classica In onda dalle 1:30
Brani Brani in onda Fire Dance - Gabor Szabo Ore 1:50