Théodore Chassériau, Harem, 1856 (Wikipedia)

Un’italiana in Vicenza

di Giorgio Appolonia

Gioachino Rossini nel 1813 scrive L’italiana in Algeri per un teatro veneziano. Qualche mese dopo l’opera viene rappresentata sulle scene del Teatro Eretenio di Vicenza e il compositore pesarese rielabora una nuova versione pur disponendo dei medesimi cantanti della première, Marietta Marcolini e Filippo Galli. Curiose e al tempo stesso intriganti le novità legate a questa proposta. In anni recenti il Teatro Olimpico di Vicenza ha ospitato la versione “vicentina” de L’Italiana in Algeri grazie all’intuito e alla passione del direttore d’orchestra Giovanni Battista Rigon alla testa della Filarmonia Veneta, del mezzosoprano Enkelejda Shkosa e Lorenzo Regazzo. Il direttore veneto è nostro ospite per un ciclo di puntate unitamente alla musicologa Sonia Arienta. Terminato il ciclo Colbran-Rossini apriamo un ciclo su Giuseppe Verdi e i grandi temi a lui legati. Sarà proprio il compositore a parlarci delle sue idee sulla musica, sull’arte, sugli interpreti e sulle “regie” nell’opera. Ad interpretarlo l’attore bolognese Matteo Belli. Accanto a lui il contributo delle attrici Francesca Zucchero (Teresa Stoltz, soprano) e Silvia Mercoli (Giuseppina Strepponi, soprano e moglie di Verdi).
Giorgio Appolonia

Brani Brani in onda Tiger Rag - Wynton Marsalis Ore 20:57