sabato 14/10/17 09:00

Il 14 ottobre del 1977 usciva nei negozi di dischi “HEROES”, uno degli album più importanti della carriera di David Bowie e il secondo della mitica “trilogia berlinese”.

Questa “trilogia”, composta dagli album “Low” (gennaio 1977), “Heroes” (ottobre 1977) e “Lodger” (1979), fu il risultato di diversi fattori: Bowie, dopo i successi di “Fame” e “Golden Years” a metà anni ’70, decise di scappare da Los Angeles e dai suoi eccessi legati all’uso di cocaina, per trasferirsi a Berlino ed iniziare a lavorare su nuova musica e nuovi suoni assieme al produttore Tony Visconti e soprattutto al musicista e produttore Brian Eno. Come “centro operativo” scelsero gli Hansa Tonstudio (lì vennero registrati sempre nel 1977 anche “The Idiot” e “Lust for life” di Iggy Pop e successivamente album di Depeche Mode, Killing Joke, David Sylvian, Nick Cave, U2 e tanti altri) e le registrazioni del primo tassello della trilogia, “Low”, iniziarono nell’autunno del 1976, mentre quelle di “Heroes” nell’estate del 1977.

Il “sound” del duca bianco a Berlino si tramutò, diventando una miscela molto personale di pop, rock ed elettronica, con un sorprendente “lato B” denso di musica ambient, scritto con Brian Eno, quest’ultimo vero e proprio pioniere del genere.

Il 14 ottobre, Rete Tre ha festeggiato i 40 anni di questo storico album con una giornata speciale dedicata allo storico album di David Bowie.

Alscolta il documentario andato in onda e dedicato alla storia di “Heroes”, a cura di DJ Monnezza.

Seguici con