(©iStockphoto )

Tanto pago più in là. Speciale indebitamento giovanile

Baobab Speciale

 

La dinamica la conosciamo, ed è subdola: le bollette si accumulano, le fatture si accavallano e, complice magari una situazione finanziaria non (ancora) stabile, per i giovani s’innesca la spirale debitoria.

Telefonia mobile e acquisti online sono al primo posto quando si parla di indebitamento giovanile, quel “tanto pago più in là” garantito dalle carte di credito che si ritorce contro. Un problema di cui non è facile parlare per i diretti interessati, che stentano anche a chiedere aiuto, nonostante nella Svizzera italiana ci siano associazioni che questo aiuto sono pronte a fornirlo.

Un tema di cui ci occupiamo insieme agli ospiti di Andrea Rigazzi.

 

Giovedì 13 novembre 2014 è stato presentato ufficialmente in Ticino il "Piano cantonale pilota di prevenzione all’indebitamento eccessivo" che si svilupperà dal 2014 al 2017, con lo scopo di "mettere in rete e valorizzare l’impegno di istituzioni e delle associazioni nella gestione di un fenomeno sempre più significativo."

Leggi anche le Raccomandazioni della Commissione federale per l'infanzia e la gioventù estrapolate dal Rapporto "CRITICI O MANIPOLATI? I giovani e il consumo consapevole": sei richieste fondamentali al mondo politico, a quello economico e alla società.