Medioriente inquieto. Una mamma ricercatrice. Prevedere il futuro

A cura di Italo Molinaro e Paolo Tognina

domenica 12/01/20 08:30
Qassem Soleimani Medioriente inquieto. Una mamma ricercatrice. Prevedere il futuro

Medioriente inquieto, di Gaelle Courtens

Dopo l’uccisione del generale iraniano Qassem Soleimani lo scacchiere mediorientale è diventato rovente. In che misura la strategia della tensione tra USA e Iran giova a Trump e alla sua campagna elettorale? Qual è il ruolo della destra religiosa americana? Ne parliamo con Paolo Naso, docente di scienze politiche alla Sapienza di Roma.

Diario di una mamma ricercatrice, di Corinne Zaugg

Myriam de Marco, assistente scientifica presso la Facoltà di Teologia di Lugano, nel 2016 è andata in Israele per motivi di studio. Un’esperienza importante per la sua vita, anche in considerazione del fatto che ha portato con sé la figlia che allora aveva tre anni.

Il futuro si può prevedere?, di Corinne Zaugg

Luca Gammaitoni non è un astrologo e non ha la bacchetta magica né la sfera di cristallo, ma è un fisico sperimentale che nel 2019 ha dato alle stampe, insieme al collega Angelo Vulpiani, un testo divulgativo dal titolo “Perché è difficile predire il futuro”.

I giovani e la Memoria

Seguici con
Altre puntate