Edizione del 30.08.2016

La terra trema, le case crollano

Mentre la terra continua a tremare, con le ormai ben note scosse di assestamento, si contano 290 morti, 10 dispersi, alcune centinaia di feriti, oltre 2'600 sfollati ospitati in 58 campi e altre strutture. Sono alcune delle cifre del sisma che mercoledì scorso ha colpito 4 regioni dell’Italia centrale, devastando diverse località e lasciando dietro di sé una scia di macerie e di sofferenza.

Ancora una volta il paese si è dimostrato pronto a reagire, solidale ed efficace nell’affrontare l’emergenza. Ma il dramma ha anche messo nuovamente in evidenza l’inesistenza di una vera politica di prevenzione. A crollare non sono state solo le vecchie case dei centri storici, ma anche edifici pubblici come una scuola ristrutturata pochi anni fa e persino un ospedale è rimasto seriamente danneggiato. Vecchi mali per un paese destinato a convivere con l’incubo delle scosse telluriche.

Terremoto, tra resilienza e polemiche. Ne discutiamo a modem con interventi di:

Claudio Bustaffa, corrispondente RSI a Roma;

Giuseppe Caporale, giornalista, autore di 2 libri sul terremoto all’Aquila;

Gian Paolo Cimellaro, ingegnere sismico, politecnico Torino;

Alessandro Dazio, ingegnere sismico svizzero (registrato);

Claudio Micheloni, senatore PD eletto in Svizzera;

Cesare Spuri, direttore della Protezione civile Regione Marche.

 

Replica su Rete Due alle 19.30

Ogni venerdì in prima serata, Patti chiari

Seguici con