Roland Collombin, genio e sregolatezza

Discesista di grande talento, vince due coppe di cristallo di specialità all'inizio degli anni 70, poi un infortunio mette fine alla sua carriera

  • Scarica puntata
  • Condividi
  • a A

«O tutto e niente» era questo il suo motto. Roland Collombin è una stella dello sci svizzero che si è spenta a 24 anni, il 7 dicembre 1975, dopo un rovinoso incidente durante una discesa di prova in Val-d'Isère, nello stesso punto in cui era caduto l'anno precedente e che l'aveva tenuto lontano dalle gare per un anno. Da allora, quel dosso porta il suo nome; è la bosse à Collombin. http://www.rts.ch/archives/tv/sports/3461227-la-bosse-a-collombin.html

Nelle stazioni 1972-1973 e 1973-1974, Roland Collombin vince 8 discese, si piazza tre volte secondo e si aggiudica due coppe del mondo di specialità. La sua ascesa sportiva inizia nel 1972 alle Olimpiadi invernali di Sapporo. Selezionato all'ultimo minuto dopo un settimo posto sulla Streif, vince la medaglia d'argento dietro a Bernhard Russi.

A 64 anni, Roland Collombin potrebbe godersi la pensione. Apre invece un piccolo bar a Martigny Bourg, nella parte storica della città vallesana, dove incontra amici, clienti e tifosi. Il nome del suo bar à raclette è «la Streif». È la pista più difficile e ambita dai discesiti. Roland Collombin la fa sua per due volte davanti a 40mila attoniti austriaci.