Una valigia ritrovata quasi per caso in un convento di Roma

All’interno i ricordi di una vita lunga e piena di esperienze, quella della violinista Teresina Tua Quadrio (1866-1956)

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

“L’angelo del violino” è stata ribattezzata dai musicologi di Sondrio Luca Bianchini e Anna Trombetta che le hanno dedicato anni di studio e recentemente anche un libro.

Teresina Tua
Teresina Tua (Biblioteca civica Pio Raina di Sondrio (riproduzione vietata))

È una storia quella di Teresina Tua (1866-1956) che sembra un romanzo: l’infanzia in una famiglia molto modesta, i primi passi da enfant prodige della musica, l’incontro con un mecenate che la aiutò a studiare a Parigi, la carriera da concertista in giro dalla Russia all’America. Un’artista definita “un portento” dai maestri del Conservatorio di Parigi, che incontrò i più grandi musicisti della sua epoca e visse in un ambiente internazionale, senza mai dimenticare l’aiuto ai bisognosi e le opere di beneficenza.

Teresina Tua non ebbe solo gioie ma sopportò anche dolorose vicende personali con la morte del primo marito e la perdita dei due figli ancora piccolissimi. 

La valigia verde

E sembra un romanzo anche la storia della valigia di cartone verde che Teresina Tua si portò in convento a Roma dove visse gli ultimi 15 anni della sua vita, dopo essersi spogliata di tutto. Dentro sono stati ritrovati spartiti, tantissime foto, manifesti delle tournée all’estero, fotografie autografate di personaggi importanti del mondo musicale e politico dell’epoca - c’è anche la Regina Margherita, insieme a Toscanini e al primo ministro Salandra – ma anche piccoli ricordi di vita quotidiana, come le foto degli allievi e di villa Quadrio. Dalla valigia - rinvenuta grazie alla pianista compositrice Raffaella Portolese - è uscito un vero tesoro di testimonianze che ora potrà essere spunto per studi storici e arricchisce il legame tra la Valtellina e la Svizzera grazie all’Associazione delle famiglie Quadri e Quadrio – molto diffuse al di qua e al di là del confine -  che negli anni ha donato a Sondrio e Bellinzona una parte degli archivi di Emilio Quadrio, secondo marito di Teresina Tua e importante figura dell’epoca nel mondo della politica ma anche della cultura. E non è un caso che alle celebrazioni riservate a Sondrio a Teresina Tua, fossero presenti diverse famiglie ticinesi.