Cristina Giotto - Che felicità

“Che Felicità” è una iniziativa legata alla Notte del racconto 2020

(iStock)

Disegnare e raccontare la felicità

#chefelicità #smishing #newyorkinquarantena #mayrayday

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

“Che Felicità” è una iniziativa legata alla Notte del racconto 2020; un concorso dedicato ai bambini della scuola dell’infanzia ed elementare con lo scopo di riflettere sul tema scelto quest’anno da Bibliomedia e ISMR per la Notte del racconto che si terrà in tutta la Svizzera il prossimo 13 novembre: “Che Felicità” (Quel bonheur! – So ein Glück! – Tge ventira!). I bambini della scuola dell'infanzia e del primo ciclo delle scuole elementari sono invitati a spedire un disegno ispirato alla loro storia preferita, mentre tutti gli allievi delle scuole elementari e medie potranno sottoporre un breve racconto, realizzato con la classe o individualmente. Disegni e racconti dovranno essere attinenti al tema: Che felicità! La giuria, composta dai rappresentanti dei vari enti promotori, sceglierà i migliori testi che potranno essere registrati e inseriti nelle audio storie della pagina solidarietà4kids e il relativo podcast. Ne parliamo con Cristina Giotto, direttrice di Ated.

Oggi torniamo a chiacchierare con la nostra ticinese a New York, Liv Behre. Per farci raccontare com'è la situazione in una "grande mela" dove è ancora tutto chiuso fino a giugno, anche se nel circostante Stato di New York alcuni negozi stanno cominciando a riaprire. Intanto ci si interroga sul futuro della metropoli, sul turismo che verrà, sulla impossibilità di stare all'aperto e di conseguenza la privazione di grandi eventi, ristoranti, sport.