Sorry we missed you, Jojo Rabbit e l'ultimo Film di Clint Eastwood

Ciak News puntata 472: con Roberta Nicolò

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Ospite la produttrice Elda Guidinetti della Ventura film per parlare del documentario Paul Nizon: Der Nagel im Kopf del regista Christoph Kühn che sarà presentato in anteprima il 26 gennaio 2020 nella cornice delle Giornate cinematografiche di Soletta.

 

Jojo Rabbit regia di Taika Waititi. Jojo (Roman Griffin Davis) ha dieci anni e un amico immaginario: Adolf Hitler, interpretato dallo stesso regista Taika Waititi. Il piccolo è un nazista fanatico integrato nella gioventù hitleriana. Tra un'esercitazione e un lancio di granata, Jojo scopre che la madre nasconde in casa Elsa (Thomasin McKenzie), una ragazzina ebrea che ama il disegno, le poesie di Rilke e il fidanzato partigiano. Nemici dichiarati, Elsa e Jojo sono costretti a convivere, lei per restare in vita, lui per proteggere sua madre Rosie, interpretata da Scarlett Johansson, che ama più di ogni altra cosa al mondo. Ma il condizionamento del ragazzo svanirà progressivamente con l'amore e un'amicizia più forte dell'odio razziale.

 

 

Richard Jewell di Clint Eastwood. Atlanta, Georgia. Richard Jewell (Paul Walter Hauser) è un trentenne sovrappeso che vive ancora con la mamma (Kathy Bates) ad Altlanta in Georgia. Ha una grande passione per i corpi di polizia ma nonostante cerchi ad ogni costo di farne parte in realtà svolge per lo più lavoretti di sorveglianza. Richard considera sua missione proteggere gli altri ad ogni costo: dunque, durante gli eventi che precedono le Olimpiadi del 1996, è il primo a dare l'allarme quando vede uno zaino sospetto abbandonato sotto una panchina. Questo fa sì che l'attentato dinamitardo del 27 luglio al Centennial Olympic Park abbia esiti meno tragici di quelli previsti dall'attentatore, e Richard diventa l'eroe che aveva sempre sognato di essere: ma la sua celebrità istantanea non tarderà a rivoltarglisi contro e a farlo precipitare dal sogno all'incubo.

 

 

Sorry we missed you regia di Ken Loach. Ricky Turner (Kris Hitchen), sua moglie Abby (Debbie Honeywood) e i loro due figli, l'undicenne Liza Jane e il liceale Sebastian, vivono a Newcastle e sono una famiglia unita. Ricky è stato occupato in diversi mestieri mentre Abby fa assistenza domiciliare a persone anziane e disabili. Nonostante lavorino duro entrambi si rendono conto che non potranno mai avere una casa di proprietà. Giunge allora quella che Ricky vede come l'occasione per realizzare i sogni familiari. Se Abby vende la sua auto sarà possibile acquistare un furgone che permetta a lui di diventare un trasportatore freelance con un sensibile incremento nei guadagni. Non tutto però è come sembra.