Archivio audiovisivo di Capriasca e Val Colla

Con l’allieva Isabella Visetti e il maestro Nicola Ferretti

domenica 20/08/17 13:05
Archivio audiovisivo di Capriasca e Val Colla, Dialett in sacocia 20.08.2017

Lezione in un luogo particolare, che non è un museo etnografico ed è l’ultimo ente entrato nella rete dei musei etnografici del Canton Ticino. L’Archivio audiovisivo di Capriasca e Val Colla (ACVC) con sede a Roveredo Capriasca è nato nel 2007, ma fa parte della rete cantonale solo dal 2015. L’ACVC non raccoglie oggetti, ma si occupa di salvaguardare le immagini e le testimonianze orali che costituiscono la memoria collettiva della regione.

Quella dell’ACVC è una collezione ricca di fotografie, lettere, testimonianze orali e ora anche di video, che ci viene presentata dalla curatrice Katia Piccinelli e da Nicola Arigoni, presidente dell’Associazione Memoria audiovisiva di Capriasca e Val Colla.
Una collezione che racconta la vita di Capriasca e Val Colla, regioni – soprattutto la Val Colla – toccate dal contrabbando, di cui ci racconta nel tipico dialetto di Cimadera Luciana Antonini Bassi, anche autrice del libro “Il pane dei ricordi”, Fontana Edizioni. Dell’emigrazione femminile Oltralpe, altro fenomeno che ha segnato il passato in Capriasca, racconta invece una testimonianza conservata all’ACVC, che fa parte della lezione di oggi.

 

Ospiti: Nicola Arigoni, Katia Piccinelli e Luciana Antonini Bassi

 

Europa League, forza Lugano!

Seguici con
Altre puntate