La fèsta di inamuraa

Con l’allieva Isabella Visetti e il maestro Nicola Ferretti

  • Condividi
  • a A

Il giorno di San Valentino, festa degli innamorati, è l’occasione per fare una carrellata sui detti e le espressioni dialettali legate all’amore e al corteggiamento, illustrando anche le occasioni che c’erano in passato per incontrare l’anima gemella, per smurosaa o smorosataa, per esempio le feste e le sagre di paese o anche i balli.

Un grande capitolo è dedicato ai criteri per scegliere la donna giusta (sono meno quelli per “selezionare” l’uomo), spesso basati su un credo popolare venato di maschilismo, dove era importante la dedizione per la casa e non solo l’aspetto fisico: “I dònn dumá béi i var men di zufranéi”. Dalla prospettiva femminile invece: “L’è mei spusà un brütt baloss, che un bell tarocch”.

Ma per la saggezza popolare qual è l’amore che dura, quello destinato a durare nel tempo? Rispota facile, è l'amore di lunga data: l'amúr vécc, l'è mai frécc o anche amur nöf u va e u végn, amur vécc u sa mantégn. Ma su tutti questi proverbi e modi dire brilla una sentenza ancora valida ai nostri giorni: L'amúr u fá passá ul temp, ul temp u fá passá l'amúr.