Ul dí da tücc i sant

Con l’allieva Isabella Visetti e il maestro Nicola Ferretti

  • Condividi
  • a A

Nel giorno di Ognissanti, la lezione tratta dei modi di dire e dei proverbi legati ai santi nella cultura popolare. Quelli riportati nel libro “Parlém dialètt” (Fontana Edizioni) da Giulio Passardi come un quai sant pruvederà, la sa piü che sant pregà, tücc i sant i vö la sò candéra, scherza cui fant, ma lassa sta i sant… Ma anche quelli più ironici, come  l’è cunsc cumè Sanquintin o come Santpaganin, che indica il giorno della paga, o San Lavurin, che si celebra ogni lunedì in cui si torna al lavoro.

Per parlare di santi dei loro nomi in dialetto, prezioso è il contributo di Gianna Bernasconi, anima de Ul tacuin dal Mendrisiot con il marito Rodolfo, con cui ha anche fondato la Compagnia comica di Mendrisio. Suoi sono i testi, i detti e i proverbi che si trovano su questo calendario di grande successo, di cui la 36esima edizione, quella del 2021, è già in stampa. Un grande lavoro di raccolta fra la gente che ancora parla il momò e dove non manca l’ironia: oggi è la festa “anca da quii che gh’a mia sü ul nom sul tacuin”.

Ospite:
Gianna Bernasconi