Riccardo Cocciante (facebook.com/RiccardoCoccianteFans/)

Auguri Riccardo! Maestro dei grandi brividi

A cura di Herbert Cioffi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Si respira ancora una certa aria sanremese, ma in questa puntata ci occuperemo d’altro, come del cambio di stile di Sebalter, che torna a stupirci con un nuovo singolo ed un nuovo lavoro, attuale e con sperimentazioni musicali interessanti, oltre che una arguta denuncia sociale dei nostri comportamenti.

Ma non è finita, la chicca sarà il 45 giri di Fiordaliso, con non voglio mica la luna, che compie gli anni.


 


Lei seppe cantare attraverso questa intuizione di Zucchero, un bisogno una necessità che urlava come sua, ma che in realtà a che fare con tutti noi.

Sarebbe stato poi il compleanno di De André, il 18 febbraio.
Ci manca molto, ma fortunatamente è stato così vasto il suo pensiero, che abbiamo ancora molto da esplorare e da raccontare.

Anche Augusto Daolio, è nato lo stesso Giorno di De André; leader carismatico dei Nomadi, poeta pittore, purtroppo scomparto prematuramente, lasciando un gran vuoto, che però è sempre stato rispettato dai nomadi che hanno cercato di fare delle scelte sempre coerenti con ciò che anche lui avrebbe fatto o gradito.

Concluderemo parlando di un altro compleanno: Riccardo Cocciante.
Il cantante dell'amore, dei sentimenti forti e strazianti, che lui è riuscito a mettere in musica, come nessuno.
Un successo anche fuori dall'Italia e soprattutto la creazione di molti musical di successo.
Cocciante è un pezzo di musica italiana che va esplorato, pieno di passione e momenti toccanti.