Fred Buscaglione, dal film "I ladri" (1959) (Wikipedia)

E così una sera di febbraio Fred ci lasciò

Con Herbert Cioffi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il meraviglioso ed irresistibile Fred Buscaglione. Un personaggio che sberleffava la realtà che sapeva ridere di se stesso ed incantare.
Un finto dolce burbero che sapeva come conquistare tutti e strappare un reale sorriso, che proprio il 3 febbraio del 1960 ci lasciava.

Lo stesso anno in cui nasceva Mariella Nava, artista vibrante e di grande talento, sempre poco considerata.
Lei che ha scritto molte canzoni straordinarie per Renato Zero e molti altri colleghi.
Ha anche illustri partecipazioni a Sanremo, in particolare uno, che al quale per un pelo, non strappa la vittoria.

La chicca arriva da un nuovo album di Fabio Concato, uscito in gennaio, solo voce e chitarra.

Qualsiasi cosa scegli, non sbagli.
Questa formula intima, regala la giusta dimensione a Fabio che con le sue canzoni ha sempre commosso e sussurrato.
Reduce, del prestigioso Ambrogino d'oro e non solo, per il brano scritto durante il lock down, ascolteremo un brano che sta a cuore a molti di voi e ne racconteremo la storia che non stanca mai.

La novità di cui parleremo è di Ermal Meta.
Fra poco forse vedremo al discusso imminente Festival di Sanremo, ma qui fotografa in maniera precisa e spietata il nostro quotidiano.

E gli auguri vanno anche a chi il 2 febbraio ha compiuto 41 anni: La bella e brava Nina Zilli.
Artista che si è imposta nell'ultimo decennio come una delle ugole più interessanti.