Quel capolavoro di Enzo e Mimì

Con Herbert Cioffi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Indiscrezioni, curiosità e novità della musica italiana, come quella di Fiorella Mannoia scritta per lei da Ultimo, la prima volta che i due artisti collaborano fra loro con una canzone sul senso profondo e l'importanza della musica.
Sarebbe poi stato il compleanno di Georges Brassens, il 22 ottobre, poeta, cantore ed io direi filosofo, che oltre a realizzare, poesie e dischi suoi, ha ispirato molti cantautori italiani, da De Gregori, fino al simpaticissimo Nanni Svampa, che lo ha reinterpretato in dialetto milanese in modo spettacolare.
Chiuderemo parlando di Orietta Berti.
Se ne parla sempre troppo poco, nei suoi confronti c'è una specie di prevenzione ed in realtà lei ha rappresentato e rappresenta una vasta parte della musica italiana.
Recentemente si è raccontata in un libro, mettendo a nudo molti dei suoi timori e come riuscì a decollare.
Sarà oggetto di un nostro racconto molto interessante e pieno di umanità.
La chicca una vera e propria poesia, un tuffo nelle emozioni autentiche.
Compie gli anni Enzo Gragnaniello esponente di quella musica napoletana passionale e toccante.
Ed in questo caso lo ascolteremo con Mia Martini, quando pensò di donare a Roberto Murolo un capolavoro in dialetto napoletano diventato poi un classico dal titolo Cumm'è.
Mimì poi ci ha messo quello che solo lei poteva fare e troppi si sono dimenticati che l'autore era Enzo Gragnaniello.