L'arte del paesaggio grigionese

Con Axel Belloni

  • Condividi
  • a A
 

Non solo turismo e sport sulla neve, Grigioni terra di arte. Con le sue cime innevate il paesaggio grigionese ha ispirato moltissimi artisti che qui hanno nutrito la propria vena creativa. Dalla "Viamala" di Joseph Anton Koch alla "Valanga" di William Turner, fino a Giovanni Segantini che ha eletto la montagna a protagonista dei suoi dipinti. Senza dimenticare Alberto Giacometti che dalla Bregaglia ha esportato il suo genio al resto del mondo. Il presidente della Pro Grigioni Italiano Franco Milani ci guida in questo viaggio nella storia artistica dei Grigioni.

Sapete perché il laghetto di Muzzano brilla nelle giornate di bel tempo? C'era una volta una ninfa, uno specchio e chi come sempre era invidioso di lei; il resto sulla lettera "I" nell'alfabeto delle leggende ce lo racconta il nostro cantastorie Andrea Jacot Descombes.

Si nasconde nei cognomi come "Ronchetti", nei nomi locali come "Roncaccio": Ronco è tra i nomi di luogo più ricorrenti nella Svizzera italiana. Ma cosa significa? In molti casi indicava la presenza di un vigneto, ma allora come si spiega Ronco Bedretto in una valle non proprio conosciuta per la viticoltura? Ce lo racconta Stefano Vassere in un'altra puntata di Toponimix.

#Segantini #ninfaMuzzano #Ronco