Ville storiche addio

A cura di Axel Belloni

  • Condividi
  • a A

La proporzione tra gli edifici storici distrutti e quelli conservati a Lugano è paragonabile alla Berlino devastata dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale”.

Un’affermazione scioccante quella dello storico dell’architettura Riccardo Bergossi, una constatazione che ci invita ad un viaggio storico attraverso un lungolago di ville storiche e grandi alberghi che non esiste più.

Ma quali edifici si possono ancora salvare? Quali tutele sono previste contro la speculazione immobiliare che dagli anni ’50 ha cambiato il volto di Lugano? Una passeggiata dal LAC al Palazzo Mantegazza, attraverso due approcci radicalmente opposti di metter mano al patrimonio edificato: da un lato l’ex Hotel Palace trasformato in nuovo cuore pulsante dell’arte e della cultura; dall’altro il ricordo dell’ex Hotel Europe di Paradiso, cancellato dalle vetrate del Metamorphosis.

Infine c’è chi ha deciso di abitare in una villa storica e di sposare la causa del restauro, per amore del patrimonio culturale o per una scelta di vita. Ma quale sostegno è previsto per questi proprietari?