Il giallo di Minusio con Erika

A cura di Davide Gagliardi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Il giallo del villaggio" ospita in studio un ascoltatore chiamato a indossare i panni di un commissario di polizia. Finzione e realtà si mescolano dando origine a una passeggiata radiofonica alla scoperta dei nostri villaggi e delle loro peculiarità. Oggi tocca a Erika Capelli, che arriva da Ruvigliana.

Chicca di Minusio: si trova proprio lungo la Via San Gottardo a Minusio, a un certo punto, nei pressi delle strisce pedonali c’è una fontanella in graniglia rosa e sopra una statua che raffigura un asinello. In passato gli abitanti di Minusio venivano chiamati “gli asinelli”, ma questa è solo una leggenda. La verità è che quella è un’opera del noto artista Schwerzmann, originario della Svizzera tedesca, che però passo molti anni della sua vita in Ticino. Artista noto per le sue fontane, i monumenti e per questo omaggio all’asinello, animale col quale un tempo veniva portato il grano verso i mulini, per essere macinato. Il trasporto lungo le vie strette e ripide del villaggio veniva cosi facilitato.