(iStock)

I guardiani degli armenti

Con Lara Montagna

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

I cani pastori guardiani degli armenti (a cui appartengono, tra gli altri, le razze come il Maremmano, l’Abruzzese, Asia Centrale, Caucaso) fin dalla quarta settimana di vita avevano il compito di stare a contatto con il gregge, senza contatti con umani o altre specie, e difenderlo da eventuali intrusi o predatori. All’arrivo di estranei minacciano avanzando, scattando in avanti ed eventualmente attaccando. I cani appartenenti a questo gruppo hanno per questo una forte motivazione territoriale e un assetto diffidente. Essi hanno una grande vocazione a difendere il territorio, autonomia decisionale e una bassa vocazione a collaborare con il conduttore.

Negli ultimi anni abbiamo spesso sentito parlare di loro per la difesa delle greggi dal lupo e dai grandi predatori in generale. Li conosceremo meglio insieme all’istruttore ed educatore cinofilo Dario Ferrario.

In studio con noi anche Antonella Volonterio, libraria, che ci porterà la sua selezione di letture a tema.