“Via libera” in autostrada: il progetto per ridurre i tempi di intervento in caso di incidenti

Con Antonio Bolzani

mercoledì 16/05/18 13:00
“Via libera” in autostrada: il progetto per ridurre i tempi di intervento in caso di incidenti, 16.05.18

Traffico e viabilità: è stato recentemente presentato il progetto «Via libera» che intende ridurre i tempi di intervento delle forze dell'ordine in caso di incidenti e panne sulla rete autostradale. Questo dispositivo rappresenta una prima assoluta a livello nazionale in grado di migliorare la rapidità degli interventi di soccorso. Dal 2011 al 2017 l'autostrada A2 è stata teatro di una media di circa 150 incidenti all'anno sulla tratta a sud di Rivera: un dato significativo, specialmente in ragione del fatto che una collisione nelle ore di punta provoca spesso il collasso della mobilità in ampie zone del Cantone. Proprio per questo motivo, il Canton Ticino e la Confederazione hanno così compiuto un primo passo siglando un accordo, della durata di tre anni, per avviare questo progetto denominato «Via libera». L’obiettivo ricercato è quello di ridurre i tempi di intervento degli enti di primo soccorso, in caso di incidente e di panne sulla rete autostradale ticinese, soprattutto sulla tratta a sud del tunnel del Monte Ceneri. Nella consulenza odierna spieghiamo nei dettagli in cosa consiste questa iniziativa che mira a rendere più sopportabili i problemi del traffico nella Svizzera italiana. Spazio anche ad una panoramica sulla rete delle strade e autostrade nazionali (cantieri e segnaletica compresi) e al comportamento al volante degli automobilisti e motociclisti.

Ospiti:
Capitano Marco Guscio
, responsabile del reparto Gendarmeria stradale della Polizia cantonale
Ing. Marco Fioroni, capo della filale di Bellinzona dell’Ufficio federale delle strade (USTRA)

Islanda-Svizzera, voglia di Nazionale

Seguici con