(iStock)

Assicurazioni private, tra polizze, clausole e inevitabili reclami

Con Antonio Bolzani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

Siamo assicurati, talvolta siamo anche troppo assicurati, ma poi quando abbiamo bisogno ci accorgiamo –o meglio ci informano- che la polizza non copre quel danno e che quindi non possiamo pretendere di essere rimborsati. È spesso una questione di clausole, quelle clausole che ignoriamo o che non leggiamo poiché scritte in piccoli caratteri in fondo ai contratti, che però, nel momento del bisogno, spuntano e ti fregano. Ad esempio ci cade lo smartphone, dalla tasca dei pantaloni, nella tazza del WC, con la conseguenza di un danno irreparabile al telefonino: abbiamo diritto ad una prestazione da parte del nostro assicuratore? Cosa possiamo fare quando riteniamo di avere ragione e la nostra assicurazione non ci vuole pagare e risarcire? A chi possiamo rivolgerci per reclamare? Quali sono le procedure da adottare in quella che spesso diventa una battaglia fatta di telefonate, lettere, raccomandate e via dicendo? È consigliabile farsi difendere da un avvocato? Ne parliamo nel programma odierno.

Ospite:
Avv. Carlo Luigi Caimi
, ombudsman delle assicurazioni private e della SUVA per la Svizzera italiana