Coppie che scoppiano: la separazione attraverso la mediazione familiare

Con Antonio Bolzani

lunedì 12/03/18 13:00
Coppie che scoppiano

Poter e voler separarsi insieme: è l’obiettivo della mediazione familiare che si prefigge di aiutare i partner a prendere degli accordi funzionali durante tutte le tappe della separazione, una sorta di luogo e di spazio per tentare di spiegarsi e di fare ordine. Si distingue dunque dalla terapia (che si concentra nel superamento di uno stato di sofferenza) e dal patrocinio legale (che è improntato sulla difesa dei diritti del cliente).

 La proposta di mediazione familiare è senza dubbio ambiziosa, “separarsi insieme” implica un impegno concreto: per evitare l’insofferenza in chi è promotore della separazione; per non lasciare in preda alla disperazione chi si sente abbandonato; per mantenere vivo il dialogo e l’unione negoziale (nonostante la crisi e la frattura coniugale); per recuperare la pazienza e la ragionevolezza nel trovare soluzioni adatte, quando si vorrebbe invece risolvere “tutto e subito”, magari demandando a terzi il da farsi; per evitare di esporre i figli, o ancora peggio, coinvolgerli nei conflitti tra marito e moglie.

La proposta forte della mediazione è quella di rendersi disponibili a “tendersi la mano”, nonostante tutto, e nel procedere “mano a mano” nel separare quanto creato insieme durante la realizzazione di un progetto di vita in comune. Del funzionamento e dei vantaggi della mediazione familiare ci occupiamo nella consulenza odierna, partendo dalle conseguenze della separazione che coinvolgono tutti ed implicano delle scelte onerose e non facile da prendere.

Ad esempio la separazione è irreversibile? Chi prepara le valigie per andare a stare dove? Come ripartirsi i soldi a fine mese? E se non dovessero bastare che fare? Come garantire sicurezza e benessere ai figli confrontati con un forte stress emotivo? Come suddividersi le cose in comune?
Questi interrogativi sono gli stessi per tutte le ex coppie ma molto diversi sono spesso i punti di vista personali su come affrontarli. “Separarsi insieme” può allora rappresentare un atto generoso e responsabile - e necessariamente reciproco tra gli ex partner - che acquisisce ancora più forza se ci sono dei figli da proteggere e di cui prendersi cura.

Sono ospiti della trasmissione:

Avv. Deborah Solcà, Direttrice generale Associazione Comunità Familiare
Federica Invernizzi Gamba, mediatrice familiare presso il Consultorio di Comunità Familiare
Renata Dozio, già direttrice del Consultorio di Comunità Familiare

Per saperne di più:

www.comfamiliare.org

www.facebook.com/Comunitafamiliare

Ogni centesimo conta

Seguici con