Il linguaggio sportivo, tra scrittura, neologismi e narrativa

Con Antonio Bolzani

martedì 13/12/16 13:00

 

Il sommario di oggi è ricco e ci porta ad occuparci sia dei vostri dubbi linguistici, con le vostre consuete domande, sia di un linguaggio importante, un lessico dal quale molti ambiti attingono e prendono parole ed espressioni: stiamo parlando del linguaggio sportivo che affrontiamo soffermandoci su quanto si dice, su quanto si scrive, sui termini tecnici, sugli anglicismi e sui molti neologismi che vanno da quelli “breriani” fino a quelli “ceroniani”.

Spaziamo anche all’interno del racconto, del romanzo e della narrativa sportiva perché proprio ieri sera, al Teatro Sociale di Bellinzona, è stato presentato un bel libro dedicato a Kubilay Turkylmaz. L’ha scritto Flavio Stroppini che si è più che altro concentrato, scegliendo uno stile molto simile all’uomo Turkylmaz, sulla vicenda e sulla storia umana di Kubi, il “turco” di Bellinzona. E proprio a Kubi dedichiamo l’apertura della nostra trasmissione odierna, chiedendogli cosa aggiungono di nuovo, di inesplorato e di inedito queste 140 pagine, intitolate Kubi gol  ed edite da Casagrande, ad un personaggio che, nella Svizzera italiana, tutti conosciamo benissimo. 

Ospiti:
Gerry Mottis, docente di italiano alle Scuole Medie di Roveredo Grigioni e scrittore
Stefano Marelli, giornalista e scrittore
Flavio Stroppini, scrittore in prosa e poesia, autore e regista teatrale e di radiodrammi per la RSI
Kubilay Turkylmaz, ex giocatore professionista di calcio

Seguici con
Correlati