Radio Kabul

Di Gian Luca Verga

  • Condividi
  • a A

La cronaca, gli eventi anche tragici delle ultime settimane che ha vissuto l’Afghanistan toccano in modo preoccupante anche chi attraverso il linguaggio artistico esprime, commenta, racconta una realtà che il potere tenta di celare, mistificare, cancellare. Come forse ricorderete alla fine degli anni ’90 quando i Talebani salirono al potere vietarono la diffusione della musica, quella musica che non rispondeva ai dettami della sharia. La musica, gli artisti, i concerti pubblici, l’ascolto stesso: fu imbavagliata la musica, bandita, umiliata. E la storia puntualmente si ripete. In questa edizione di “Le radici, le ali” quella musica suonata e prodotta da giovani artisti, donne soprattutto, che con grandi sacrifici e coraggio cerca ancora di dar voce alle rivendicazioni e ai sogni della gente.