(iStock)

Esplorando l'India: dal turismo, alla cucina, alla Bohemia Couture

Con Lara Montagna

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

L’ultimo martedì di Liberamente con Lara Montagna ci porterà in India. Un paese che va ascoltato e accolto nelle sue contraddizioni, nelle ingiustizie, nei colori, nei sorrisi e nei mille aspetti che la rendono così straordinariamente affascinante.
Ma quanto dell’India è soltanto una nostra proiezione orientalista?
Quanto invece la sua profonda diversità ci può aiutare a relativizzare i problemi della vita quotidiana?
Un caleidoscopio di culture, equilibri impossibili, dimensioni occulte, musiche, sorrisi e paradossi.

A partire dalle 19:00 scopriremo anche tutte le novità del programma di Rete Uno dedicato ai viaggi, Nord Sud Ovest Est che ripartirà sabato 27 giugno e per 10 puntate ci farà attraversare aree geografiche del mondo incontrando persone che le conoscono per avervi viaggiato, abitato, lavorato o per esservi nati e con i loro racconti ci faranno viaggiare virtualmente.
Lo faremo con la collega Elena Caresani, la conduttrice di Nord Sud Ovest Est 2020

Dalle 20:00 alle 21:30 Liberamente ci farà scoprire l’India attraverso le parole di numerosi ospiti.

Al telefono con noi ci sarà Duccio Canestrini, antropologo del turismo.
Se è vero che il turismo è un "fatto sociale", l’esigenza di un’antropologia del turismo è legata anche e soprattutto alla necessità di far luce su due comportamenti essenziali del fenomeno: i moventi psico-sociali che inducono il visitatore a lasciare il proprio luogo di residenza e i processi messi in atto dalla circolazione di uomini, immagini, servizi e idee.
Effetto e al tempo stesso motore trainante del mutamento culturale, questa peculiare "migrazione di massa" induce fenomeni di contaminazione, cambiamenti di credenze, riformulazioni di modelli di pensiero che portano ad un generale ripensamento delle strutture stesse delle nostre società.
Duccio Canestrini oltre a essere un antropologo del turismo è stato diverse volte in India, per lavori vari e per studio: a comprare stracci e zoccoli, a fare ricerca antropologica, a scrivere reportage, a tenere lezioni all'Università, a studiare il rapporto uomo elefante, a trovare amici... e pochissimo in vacanza!

Al microfono di Rete Uno anche Gagan Nirh, originario di Aurangabad, nello stato federato del Maharashtra. Gagan ci racconterà del suo paese e della sua crescita professionale. Dall’India passando per gli Stati Uniti d’America fino alla Svizzera italiana.
Un viaggio che è anche una lunga storia d’amore con sua moglie Daniela, insieme alla quale gestisce il ristorante Tabla di Montagnola.
Un ristorante che per Daniela e Gagan è qualcosa di più, è un progetto che mira a diffondere la cultura gastronomica indiana. Perché l’India va conosciuta e apprezzata anche attraverso il cibo, le spezie, i gusti, i profumi e le ricette di mamma Gurmeen.

Melissa e Nevio sono una giovane coppia di Milano, nel 2014 lasciano l’Italia alla volta dell’India. Esplorare il mondo alla ricerca della bellezza, prendendo spunto dalla natura e dalle storie del luogo è il loro obiettivo. È così che proprio in India nasce Bohemia Couture.
Si ritrovano a stretto contatto con gli artigiani e produttori di tessuti indiani, che Melissa e Nevio comperano per confezionare i loro abiti a tiratura limitata o pezzi unici nel caso dei sari vintage riciclati.
Per questi giovani ragazzi, sostenere il movimento slow fashion per un pianeta più equo solidale dando importanza ad ogni piccolo passaggio è fondamentale.
Materiali riciclati, progetti seguiti da gruppo di donne per supportare il lavoro femminile e la tendenza al “waist zero” attraverso l’utilizzo di ritagli dei materiali di scarto per sacchetti e shopper.