(iStock)

Gianni Rodari e gli infiniti sassi nello stagno

Con Sarah Tognola

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 
 

 

«Un sasso gettato in uno stagno suscita onde concentriche che si allargano sulla sua superficie, coinvolgendo nel loro moto, a distanze diverse, con diversi effetti, la ninfea e la canna, la barchetta di carta e il galleggiante del pescatore. (…)

Non diversamente una parola, gettata nella mente a caso, produce onde di superficie e di profondità, provoca una serie infinita di reazioni a catena, coinvolgendo nella sua caduta suoni e immagini, analogie e ricordi, significati e sogni in un movimento che interessa l’esperienza e la memoria, la fantasia e l’inconscio e che è complicato dal fatto che la stessa mente non assiste passiva alla rappresentazione, ma vi interviene continuamente, per accettare e respingere, collegare e censurare, costruire e distruggere». Da: “La Grammatica della fantasia”

Questa edizione celebra un compleanno importante: i cento anni di Gianni Rodari che il grande scrittore e pedagogista avrebbe compiuto il prossimo 23 ottobre. Tra le sue tante opere , la “Grammatica della fantasia”, un manuale che con semplicità straordinaria parla ai bambini ed anche agli adulti, grazie all’effetto del suo fine linguaggio che dilata le generazioni e le comprensioni.

Ospiti:
Daniele Dell’Agnola
, docente d’italiano, tiene corsi di narrazione, scrittura e riflessione sulla lingua alla SUPSI
Sara Giulivi, attrice, ricercatrice SUPSI
Simone Fornara, docente SUPSI, docente di Didattica dell’italiano alla SUPSI