(iStock)

I gatt da la Pepina

Con Sarah Tognola

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 
 

È la storia di un’anima generosa che scegliamo di attualizzare.

Nel Mendrisiotto c’è chi ricorda con affetto una vecchia signora sola che in tutte le stagioni dell’anno, ogni sera alle cinque, dalla collina s'incamminava verso il piano con il grembiule da lavoro consumato dal tempo e il sacchetto dei resti del desinare. Quel cibo era destinato a una quarantina di gatti randagi che al calar del sole si raccoglievano per aspettare la loro generosa amica umana. Ne riconoscevano l’odore e la voce che sapeva di cibo buono e consolatorio.

La Pepina non c’è più da tanto tempo ma è stata fortunatamente sostituita da una Pepina moderna, sempre altruista, sempre amante dei gatti. Ha dismesso il grembiule da lavoro, non è vecchia ed è bellissima come tutti i gatti che cerca di raccogliere e salvare.

Ospiti:
Barbara Casellini
(La Pepina moderna)
Donata Ghiringhelli, veterinaria
Ginny Brand, esperta in comunicazione telepatica con gli animali