La solitudine del solitario: le cose che piacciono a chi sta solo

Con Rossana Maspero

domenica 10/02/19 21:05
La solitudine del solitario, Prima parte

 

“Beata solitudo, sola beatitudo”, detto latino che campeggia nei chiostri francescani ed evoca la solitudine come condizione di benessere e gioia dello spirito, ci porta a focalizzare la solitudine come scelta e la condizione del solitario come indole. La solitudine del solitario può dunque essere un’occasione di ripensamento e messa in contatto con la propria interiorità, laica o religiosa che sia.

Ma chi è e come si muove il solitario? E il suo esatto contraltare? Ovvero colui che non può fare a meno di un’intensa vita sociale e del riconoscimento perenne degli altri?  E noi tutti, sappiamo stare soli al riparo dai fragori del mondo? Perché alcuni temono la solitudine e altri la scelgono? E come viene accettato o non accettato socialmente un solitario?

Con Roberto Bernasconi, poeta e performer; Lina Bertola, filosofa, saggista e docente di etica all’istituto universitario federale per la formazione professionale; Marco Borradori, politico e sindaco della città di Lugano, al telefono Elisabetta Bucciarelli, scrittrice e giornalista, diplomatasi presso il Laboratorio di scrittura drammaturgica del Piccolo Teatro di Milano.

Storie: Les Dames - Quando l'amore non ha età

Seguici con