Non ci credo ma… l’astrologia tra superstizione e indagine alla scoperta di ciò che non vediamo

Con Rossana Maspero

lunedì 20/05/19 21:05
Non ci credo ma… l’astrologia tra superstizione e indagine - Prima parte, Liberamente 20.5.2019

 

Quanti di noi per gioco, con distacco e diffidenza, con semplice curiosità oppure con convinzione, consultano l’oroscopo quotidiano? E quanti invece lo ritengono ingannevole e confutabile superstizione? Esiste un’antica diatriba tra chi crede nei fondamenti di un consulto astrologico che passi dall’analisi di un cielo astrale e chi invece lo relega a fantasiosa e infondata quanto inopportuna menzogna.

C’è chi crede solo in ciò che vede, che può misurare e riprodurre; ma scrutare il cielo e studiare gli astri conserva da millenni tutto il suo antico fascino, pone l’uomo difronte alla vertigine dell’infinito e all’ignoto, lo mette in relazione con il cosmo e con sé stesso portandolo a guardarsi dentro, nel profondo. Forse per questo lo psichiatra, psicoanalista e antropologo Carl Gustav Jung si era occupato di astrologia ritenendo che la nostra psiche si costituisca in armonia con la struttura dell’universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade ugualmente nei più nascosti recessi dell’anima.

E se è vero che la ricerca -l’unica che ci regali qualche prospettiva sul futuro- è il motore del mondo, è ancor più vero che ciò che un tempo pareva magico perché invisibile oggi è perfettamente misurabile; e forse ciò che oggi riteniamo infondato per lo stesso motivo sarà un giorno perfettamente misurabile. Perché ciò che ci distingue dall’animale è l’ancestrale bisogno di indagare, ricercare, scoprire chi siamo, dove andiamo, da dove veniamo e chi potremmo essere.

Partendo da queste riflessioni converseremo con Janani Marilena Pedrazzini, astrologa olistica; Alessandro Pasquali, chimico, ricercatore e inventore di un dispositivo che trasmette attraverso la luce dati audio e video nel cielo e Marco Celada, fisico cibernetico e astrologo. 

 

Serata tematica: Leonardo, genio immortale

Seguici con