Roberto Cotroneo, Niente di personale

A cura di Rossana Maspero

venerdì 12/04/19 09:30
Librintasca ve 12.04.2019 Intervista Integrale a R. Cotroneo

Niente di personale di Roberto Cotroneo pubblicato da La Nave di Teseo  porta il lettore in un vero è proprio viaggio nel tempo e nella memoria attraverso un’epoca che ha influenzato un’intera nazione, cultura e civiltà (la nostra) ma soprattutto un’intera generazione; e lo fa raccontando la sua formazione di giornalista e uomo di cultura immerso negli anni ’80. Un libro costruito con sapienza, attenzione e grande stile, con il gusto delle geometrie che ci portano in un labirinto di riflessioni.

Lo scenario di Niente di personale è la Roma degli anni ’80 ai tempi della supremazia della Democrazia Cristiana, quando a L’Espresso dove Cotroneo iniziava a lavorare si sentiva il ticchettio delle macchine da scrivere, tra fumo di sigarette e telefoni che squillavano, e dove era possibile pranzare con Fellini, dove il privato delle persone pubbliche restava tale per tacito accordo e dove il potere vero restava silenzioso.

Dal libro emerge il racconto di chi si è formato e ha frequentato grandi personalità e parla lungamente di una stagione, anzi, una civiltà che non c’è più, dicendo sottotraccia che la contemporaneità  vive calpestando le macerie di quegli anni.

Roberto Cotroneo è tra gli ospiti degli Eventi Letterari di Ascona (dall'11 al 14 aprile 2019) per la Cerimonia di Premiazione e presentare sabato 13 aprile ore 11 al Monte Verità Elisabetta Sgarbi, Premio Enrico Filippini in qualità di direttore editoriale de "La Nave di Teseo" e regista.

Le storie di Storie: Follemente normale

Seguici con
Altre puntate