Silvia Ricci Lempen

Con Elena Caresani

  • Condividi
  • a A

Ha sempre amato scrivere, sin dai tempi del diario che teneva da bambina. Il primo romanzo esce attorno ai 40 anni, «Un Homme tragique», che in seguito tradotto in italiano diventa “Una famiglia perfetta” (ed. Iacobelli); prima ha scritto la sua tesi di dottorato in filosofia sul tema dell’immaginazione, cresciuto le figlie, pubblicato saggi culturali e sul femminismo e articoli come giornalista; è stata caporedattrice della rivista femminista “Femmes suisses” e docente all’Università di Losanna. Sino ad oggi ha dato alle stampe otto romanzi e ricevuto diversi riconoscimenti tra i quali il Premio Schiller nel 1996 e il Premio svizzero di letteratura 2021.

Silvia Ricci Lempen è ospite di “Mary Poppins” per parlare dell’ultimo libro “I sogni di Anna” (Vita Activa, Trieste 2019) scritto in due versioni originali, del suo bilinguismo, del blog culturale “Imaginaire” che tiene per Le Temps su cui scriveva già ai tempi del cartaceo, delle sue identità italiana, svizzera e francese e naturalmente del piacere di scrivere.