Homo Faber: Il valore dell'artigianato nell'era della falsificazione

Con Rossana Maspero

martedì 05/06/18 11:05
Negozio dell'artigianato di Cevio4, Bignasco e la Vallemaggia, Squadra esterna 27.08.16 Homo Faber: Il valore dell'artigianato nell'era della falsificazione

Se ci pensiamo bene l’oggetto artigianale - l’orecchino, il tessuto, la fibula, l’utensile o il manufatto in generale - sin dall’antichità ha rappresentato la prima testimonianza identitaria in grado di raccontare la presenza umana attraverso le sue attività.  È espressione della cultura materiale, dell’ambiente e della tradizione in cui si è sviluppato. E l’artigianato è frutto del connubio tra manualità e conoscenza, è connessione con le proprie tradizioni non per volgere lo sguardo al passato ma per connettersi consapevolmente con il futuro: perché non c’è innovazione dove non c’è tradizione.

E allora come può sopravvivere nell’era della digitalizzazione e della tecnologia il valore del mestiere? e come può oggi l’artigianato competere con la massificazione, con il mercato che ragiona in termini di obsolescenza programmata e di bisogni indotti, dove l’unica regola è abbattere i costi? Chi è oggi e chi sarà domani l’artigiano?

Ospiti:
Claudio Gianettoni, Vicepresidente dell’ATICREA, l’associazione Ticinese Artigiani Artisti
Alberto Cavalli, Direttore Generale della Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte e autore di “Il valore dei mestieri” (Marsilio editore)

I Mondiali alla RSI

Seguici con