Le nuove regole europee per i dati online

Con Nicola Colotti

mercoledì 09/05/18 11:05
Tecnologia, Internet, Europa - Continente, Germania, Crittografia Le nuove regole europee per i dati online

Si chiama General Data Protection Regulation (tradotto: Regolamento generale per la protezione dei dati) e dovrebbe costituire una pietra miliare nella storia della conservazione e della protezione dei dati degli utenti da parte delle aziende che li utilizzano attraverso internet. Il termine per l’entrata in vigore delle nuove regole è fissato al 25 maggio, ma cosa accadrà concretamente da quel giorno non è ancora del tutto chiaro.

La sola cosa certa è che il GDPR pur riguardando direttamente i soli Paesi dell’Unione europea coinvolge indirettamente il mondo intero (Svizzera compresa dunque), considerato che i dati che immettiamo in rete (password, contatti, siti visitati, app che scarichiamo, ecc.) vengono gestiti, utilizzati, sfruttati (e a volte “abusati”) da aziende che operano e si interconnettono nel mondo intero. Un altro aspetto importante riguarda le sanzioni alle aziende che non rispetteranno le nuove regole che posso arrivare fino a multe par al 4% del fatturato. Nel caso di FB sarebbero circa 1,6 miliardi di dollari.

E allora cosa accadrà in concreto con l’entrata in vigore del GDPR. Di cosa si tratta esattamente e soprattutto cosa cambierà per gli utenti, cioè noi comuni cittadini ogni volta che ci colleghiamo a internet?

Ospiti:
Luca Accomazzi
, esperto di sicurezza informatica, sviluppatore di commerci elettronici e co-autore del sito adempimenti-gdpr.it
Angelo Consoli, responsabile del Laboratorio di Cyber Security della SUSPI
Alessandro Longo, giornalista divulgatore, direttore di Agenda digitale
Carlo Terreni, direttore di NetComm Swiss Association

Emergenza umanitaria, incontro pubblico con Filippo Grandi

Seguici con