L'orso M13

Simpatico, problematico o pericoloso per la Valposchiavo?

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
Problematico? Pericoloso? Da abbattere? O da salvare? Oramai è lui e lui solo a tenere banco in Valposchiavo, il famoso M13, l'orso che da parecchio tempo scorrazza in Valposchiavo e che, nelle scorse settimane, ha fatto una visitina anche in una casetta di vacanza del posto. Intanto in internet sono state lanciate raccolte di firme e petizioni nelle quali si chiede di salvare la pelle al M13 e si propone una modifica del concetto di protezione, ritenuto troppo rigido poiché prevede l'immediato abbattimento dei plantigradi quale unica soluzione ai problemi che possono causare.
Per capire i reali disagi e i pericoli che sta provocando l'orso M13, quali misure sono state adottate e quali rimedi si dovrebbero o potrebbero attuare e più in generale per riflettere sulla convivenza tra gli animali e gli uomini e tra gli stessi animali, questa edizione di  Millevoci darà spazio a vari interlocutori che si soffermeranno sulla presenza dell'orso in Valposchiavo. Una presenza, anche molto mediatica, che continua a suscitare polemiche e a fare dibattere le autorità politiche, gli esperti e la popolazione tra chi vorrebbe salvargli la pelle e chi, invece, è più propenso ad una soluzione radicale. Animeranno la discussione e il dibattito sull'orso M13 e sui suoi spostamenti: Silva Semadeni, presidente di Pro Natura Svizzera e consigliera nazionale;  Alessandro Della Vedova, Podestà di Poschiavo e granconsigliere grigionese;  Arturo Plozza, guardiano della selvaggina e sindaco di Brusio; Mario Costa, membro del Gruppo di divulgazione oggettiva sui grandi predatori; e Serena Visentin, redattrice del giornale online "Il Bernina". 

Tags: orso, m13, valposchiavo, millevoci, 2012D