(iStocK)

Quando il lavoro non nobilita

Spese delle famiglie svizzere e un nuovo museo per Munch, Con Isabella Visetti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

 

Enrica Alberti presenta la campagna #refeel recentemente lanciata dal Kinderspital di Zurigo per sostenere i genitori prima che le batterie si scarichino. Cosa si fa per aiutare le mamme e i papà stanchi e sfiniti? Quali servizi intervengono sul territorio e con quali modalità? Con Angela Calabretta, infermiera materno-pediatrica e Martina Flury, pedagogista e coordinatrice dell’associazione “Parent as teacher”.

Elena Caresani ci porta sul fiordo di Olso, dove è stato inaugurato da poco il nuovo museo dedicato al pittore Edvard Munch, un enorme edificio che si affaccia sul mare, forse la più grande istituzione al mondo dedicata a un singolo artista. La visitiamo virtualmente con Elio Schenini, storico dell'arte e curatore indipendente.

Paolo Riva si chiede quanti soldi hanno a disposizione le famiglie svizzere ogni mese e analizza come li spendano, tra costi obbligati e scelte di spesa. La settimana scorsa sono state pubblicate le nuove cifre sulla disponibilità finanziaria delle economie domestiche del nostro paese.

Nicola Colotti nel dibattito si concentra sul tema dello stress da lavoro: in Svizzera, tre lavoratori su cinque lamentano un sovraccarico di lavoro e aumentano coloro che si rivolgono ai servizi sociali perché sono a rischio di esaurimento e la pandemia non ha certo giovato alla serenità di chi lavora nei settori sociali della sanità e della scuola. A complicare la situazione vi è un accresciuto impiego di farmaci (antidolorifici, sonniferi e ansiolitici): come interpretare e prevenire questo crescente disagio, acuito dalle conseguenze della pandemia? Con Carlotta Vieceli, psicologa del lavoro, responsabile del progetto LINEA; Stefania Mastrillo, psicologa del Laboratorio di psicopatologia del lavoro; Michele Mattia, psichiatra e Psicoterapeuta