Gianluca Grossi, "Lockdown", Fontana Edizioni (dettaglio copertina) (www.fontanaedizioni.ch)

Strade (deserte) da reporter: un libro di fotografie racconta il nostro lock down

Con Nicola Colotti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È appena uscito per l’editore ticinese Fontana edizioni un libro fotografico dal titolo Lockdown realizzato dal reporter internazionale Gianluca Grossi in collaborazione con la giornalista documentarista Resy Canonica. Questa volta l’occhio fotografico dell’inviato che ha lavorato per anni in zone di guerra e conflitto permanente cattura con il contributo della collega le immagini di piazze, strade e luoghi di ritrovo della Svizzera italiana rimasti deserti e chiusi a causa del “lockdown” per la pandemia Covid-19. Istantanee che “documentano un periodo storico eccezionale” (si legge nelle prime pagine del libro), immagini che resteranno impresse per sempre nella nostra memoria. Se volessimo usare le categorie editoriali alle quale siamo abituati si potrebbe definire questo libro un “instant book”; e tuttavia Lockdown è qualcosa di diverso dall’operazione editoriale che sfrutta il momento. Il libro di G.L Grossi e R. Canonica è uno specchio dentro il quale possiamo guardarci tutti per vederci e immaginarci come vittime di una “guerra” (quanto si è abusato di questa parola che prima di essere metafora è una realtà permanente in regioni del mondo quasi dimenticate!), perché ci siamo sentiti in stato di guerra contro il diffondersi del virus. Lockdown è un libro che contiene tante fotografie e testi di accompagnamento essenziali, da autentico reportage giornalistico. “Quando è iniziata l’emergenza Covid-19 - scrive Grossi nelle prime pagine del libro - mi trovavo in Ticino. Ho deciso di restarci per raccontare un avvenimento di carattere storico. Non capita tutti i giorni che la cronaca, nel suo farsi davanti ai nostri occhi, si trasformi subito in storia”.

Ospiti:
Gianluca Grossi
, giornalista, inviato speciale, scrittore
Resy Canonica, giornalista, inviata, documentarista