Ogni centesimo conta 2019

Rete Uno in diretta da Piazza del Sole a Bellinzona dal 14 al 20 dicembre

“Due sono le cose che i bambini dovrebbero ricevere dai loro genitori: le radici e le ali” (J.W.Goethe)

2019 – 30 anni dalla stipulazione della Convenzione ONU sui diritti del fanciullo

RSI Rete Uno. “Ogni centesimo conta. Un sostegno all’infanzia che soffre”.
Dal 14 al 20 dicembre 2019, da Piazza del Sole a Bellinzona (“Natale in città”)

Una raccolta fondi nazionale promossa da SRG SSR e Catena della Solidarietà a favore dei minori in difficoltà nel nostro paese.

Rete Uno è in diretta dalla postazione in Piazza del Sole, dalle 9.00 alle 24.00, per sette giorni di maratona radiofonica condotta da Lara Montagna, Julie Arlin, Alessandro Bertoglio e Fabrizio Casati.

La RTS con Coeur à coeur è in diretta da Sion.

All’azione di beneficenza partecipa attivamente anche Radio Ticino con una maratona notturna.

 

In collaborazione con la Catena della Solidarietà, per il terzo anno consecutivo Rete Uno propone la maratona radiofonica a scopo di beneficenza “Ogni centesimo conta”.  L’obiettivo della raccolta fondi, che si svolge nella Svizzera italiana e in Romandia,  – come l’anno scorso – è di dare “un sostegno all’infanzia che soffre”. L’anno scorso sono stati raccolti ben 361 mila franchi. Una somma ingente che viene attualmente impiegata a favore di numerosi progetti avviati nella Svizzera italiana per dare aiuto a bambini vittime di trascuratezza, violenza fisica e psicologica e indigenza.

Si chiamano: appartamento protetto interno, atelier di pittura e biblioteca dei bambini, Freccia: traiettorie verso l’autonomia, Centro educativo minorile itinerante, Casa familia professionale, sostegno a madri in difficoltà. Sono proposti da associazioni attive sul territorio, che saranno con noi nel corso della settimana di programmi speciali.

Nel 2017 sono stati raccolti 241 mila franchi, con i quali si stanno sostenendo progetti a favore di giovani in difficoltà nel nostro paese (era quello il tema della colletta nazionale quell’anno), fra i quali Treebù, Ristor’apprendo, Muovi-TI, E-Voliamo.

Quest’anno si vogliono favorire nuovi progetti, che possano soddisfare altri bisogni nel settore dell’aiuto ai minori e alle famiglie del nostro Paese.

 

Quattro conduttori infaticabili che si susseguono per 7 giorni al microfono; poi approfondimenti, reportage, incontri, testimonianze, iniziative, aste benefiche, idee per raccogliere offerte, perché “Ogni centesimo conta”. La postazione RSI in piazza è aperta a tutti i contributi. Con noi, nel corso dei giorni di diretta: personalità per testimoniare appoggio e solidarietà, esperti di educazione della prima infanzia, dei bambini, dei ragazzi; rappresentanti di organizzazioni e enti attivi nei più diversi settori del supporto alle famiglie e all’infanzia; responsabili di enti e uffici pubblici preposti alla coordinazione, analisi, aiuto alla famiglia; la politica famigliare e gli aiuti finanziari del Canton Ticino; ascoltatori di Rete Uno con le loro iniziative, sportivi.


Ancora, il marciatore Kraken, artisti e musicisti che si esibiscono a titolo solidale; Radio Ticino e le sue maratone notturne, il Cane Peo, Rete Due, Rete Tre, Filo diretto, la popolazione di Bellinzona e tutta l’italofonia del paese.
Una settimana speciale di radio, social, televisione, da vedere, da ascoltare, da vivere al villaggio “Natale in città” in Piazza del Sole di Bellinzona.

Con la raccolta di fondi promossa da RTS e RSI - in collaborazione con la Catena della Solidarietà - si vogliono sostenere enti e associazioni che si adoperano a favore di bambini e ragazzi (da 0 a 18 anni) che vivono situazioni di disagio, sofferenza e che sono confrontati con grandi difficoltà: minori che necessitano di aiuto e sostegno perché vittime di trascuratezza, violenza psicologica o fisica, maltrattamenti, sono testimoni di situazioni conflittuali o sono vittime di molestie e violenze sessuali.
Lo studio Studio Optimus (pubblicato nel giugno 2018) rileva che ogni anno le organizzazioni per la protezione dell’infanzia attive in Svizzera trattano dai 30 mila ai 50 mila casi che riguardano minori che vivono situazioni difficili e precarie e il cui benessere è minacciato.
Ogni centesimo conta vuole dare un sostegno agli enti e alle organizzazioni impegnate a favore della protezione e del benessere dei minori meno fortunati del nostro paese.
Enti e organizzazioni, va debitamente sottolineato, che agiscono in modo sussidiario, complementare, allo Stato (Confederazione, Cantoni, Comuni) in questo delicato ambito sociale.

In Svizzera l’impegno a favore dell’infanzia e della gioventù di fonda sulla Convenzione ONU sui diritti del fanciullo (ratificata nel 1997) e sulla Costituzione federale.
Per quanto riguarda la ripartizione dei compiti, per principio la competenza è dei Cantoni e dei Comuni.

“Ogni centesimo conta. Un sostegno all’infanzia che soffre”.

Per sette giorni, dal 14 al 20 dicembre, Rete Uno diventa Ogni centesimo conta e si trasferisce in Piazza del Sole a Bellinzona, nel villaggio di “Natale in città”.

Vuoi partecipare con un’iniziativa solidale?
Vai al link rsi.ch/occ, dove trovi testimonianze, immagini, suoni dell’edizione dell’anno scorso e si spiega come creare un’iniziativa di raccolta fondi per lottare contro la precarietà dei bambini e dei giovani in Svizzera.

Dal 14 al 20 dicembre sarà attivo il numero telefonico per le donazioni: 0800 87 07 07

Il numero di conto della Catena della Solidarietà: CCP 10 – 15000 – 6, con menzione “Ogni centesimo conta 2019”.

Ogni centesimo conta e Coeur à coeur: definizioni diverse per una grande operazione solidale. Un’azione solidale, un evento condiviso, sotto l’egida della Catena della Solidarietà. Un’iniziativa nazionale della SRG SSR, condotta dagli studi radio allestiti nelle piazze a Sion e Bellinzona.