Italia Novanta: il calcio di 30 anni fa era più bello e più divertente?

Con Antonio Bolzani

  • Condividi
  • a A
 

È un’estate con un altro calcio, un football rivoluzionato in quanto a date, a tornei e a manifestazioni: la pandemia insomma ha sconvolto il tradizionale calendario di appuntamenti. Posticipati al prossimo anno i campionati europei, si sono appena conclusi i vari campionati nazionali e da ieri sera ci siamo immersi nelle coppe europee, Europa League e Champions League, e nella Coppa Svizzera.

Insomma, tutto diverso dal solito e dalle nostre solide abitudini: è quindi l’occasione per fare il punto, partendo però da un’estate che la maggior parte di noi ricorda benissimo, l’estate italiana del 1990, anno in cui si disputarono i campionati mondiali proprio in Italia. Erano le notti magiche di un calcio diverso e meno tecnologico rispetto a quello di oggi: forse più divertente, più spensierato e più bello ? L’interrogativo lo giriamo ai nostri esperti che, partendo da questa domanda, si soffermano su quanto e su cosa è cambiato in questi ultimi 30 anni nel mondo del pallone. Chiacchierano con noi Enrico Carpani, Omar Gargantini e Giacomo Moccetti, colleghi del Dipartimento Sport della RSI.