(iStock)

Passeggiate sul lago di Lugano, tra arte, storia e natura

Con Antonio Bolzani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

Quando arte, storia, natura, territorio e identità si uniscono per formare un racconto può nascere anche un bel libro -o una preziosa guida- come quello di Lorenzo Sganzini che è nostro ospite per raccontarci la sua lunga passeggiata scritta e narrata in un volume che s’intitola “Passeggiate sul lago. Di chiesa in chiesa, tra arte e storia" (Edizioni Casagrande). “Se il viandante di Caspar David Friedrich cercava il segreto dell’universo scrutando l’orizzonte sopra un mare di nuvole, io, più modestamente, cerco  il segreto del posto, un nucleo di memoria comune, scrutando le rive dal lago” scrive l’autore con il quale ripercorriamo il suo itinerario attorno al Ceresio alla scoperta o riscoperta di quelle ricche testimonianze artistiche e storiche, in particolare rinascimentali, che ci riportano a quella rinomata tradizione che dai maestri comacini fino ai grandi nomi di Francesco Borromini, Domenico Fontana e Carlo Maderno ha arricchito i libri di storia dell’arte, regalando nel contempo prestigio e orgoglio alla Svizzera italiana.

Ospite: Lorenzo Sganzini, già responsabile della Divisione cultura del Cantone Ticino e della Rete Due della RSI Radiotelevisione svizzera. Per la Città di Lugano, di cui ha anche diretto i servizi culturali, ha in particolare seguito la realizzazione del centro culturale LAC Lugano Arte e Cultura. Cura regolarmente esposizioni e volumi a carattere storico.

Capolago e Riva San Vitale visti da Rovio
Capolago e Riva San Vitale visti da Rovio (RSI)