Fiorenza Bergomi (TiPress)

Una vita tra leggi e codici: incontro con la giudice Fiorenza Bergomi

Con Antonio Bolzani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

È una donna di legge, che opera nell’interesse della giustizia e quindi dello Stato alla ricerca delle soluzioni eque e della verità; rigorosa e con un temperamento caparbio; queste qualità l’hanno accompagnata nella sua carriera di magistrata. L’avvocata Fiorenza Bergomi, nel novembre del 2001 è entrata a far parte della Magistratura penale, assumendo il ruolo di Procuratore Pubblico, occupandosi di reati comuni fino alla fine del 2005 e poi dal 2006 di reati finanziari, diventando nel gennaio del 2013 procuratore capo dei reati finanziari.

Dal primo luglio dello scorso anno ha cambiato contesto professionale, rimanendo però sempre in ambito giuridico: è stata nominata in effetti Giudice al Tribunale penale federale di Bellinzona. Fiorenza Bergomi, ha fatto anche un po’ di politica a Mendrisio e ama lo sport che pratica regolarmente: partendo dal suo lavoro ci racconta oggi un po’ della sua vita, dei suoi interessi e delle sue scelte.