(iStock )

Non solo cibo

di Michela Daghini

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Da questa settimana l’Università di Lucerna proporrà una mensa senza carne. L’ateneo ha infatti deciso di ascoltare chi chiede infrastrutture ecologicamente ed eticamente sostenibili. Gli studenti potranno quindi scegliere fra tre menu vegetariani o vegani, in linea con la diffusa e crescente sensibilità in termini ambientali. Questo proprio mentre a Berlino, dopo la stessa decisione presa dalla Volkswagen, il nuovo piano nutrizionale negli atenei prevede che i piatti siano per il 68% vegani e il 28% vegetariani. La pandemia infatti ci ha costretto a rivedere anche i modelli alimentari e quelli produttivi, evidenziando la minaccia delle zoonosi e rimettendo in discussione molti aspetti del nostro vivere. In questa puntata parliamo proprio di alimentazione, e delle implicazioni etiche e ambientali di ciò che mettiamo nel piatto. Perché proprio a partire dall’alimentazione si potrebbe fare molto, scegliendo con cura cosa mettere nel carrello. È l’invito della nota giornalista d'inchiesta Sabrina Giannini, ospite in questa puntata, che nelle sue ventennali indagini sull'industria alimentare - Report, e Indovina chi viene a cena - denuncia gli inquietanti scenari che stanno dietro a ciò che mangiamo, dall’avocado agli allevamenti di salmoni, dall’olio di palma all’industria della carne. Dei nostri stili di vita, costumi, tradizioni alimentari e più in generale del rapporto con le altre specie viventi, parliamo anche con l’antropologo Duccio Canestrini che a questi temi ha dedicato parte importante della sua ricerca. E del mondo nascosto della produzione animale ci raccontano la fotoreporter di fama mondiale Jo-Anne McArthur e l’editore Keith Wilson attraverso le pagine di"Hidden. Animali nell’Antropocene", il libro fotografico sul nostro rapporto conflittuale con gli animali non umani visti attraverso l’obiettivo di 30 pluripremiati fotogiornalisti di tutto il mondo. Nella rubrica "Aspettando i barbari" poi, il filosofo Armando Massarenti ci propone alcune riflessioni partendo dal libro del Premio Nobel J. M. Coetzee "La vita degli animali", ed. Adelphi.