Martedì 24 maggio 2016

Torquato Tasso, Giacomo Jori allo Studio 2 RSI di Lugano - Besso, dalle 18:00

Martedì 24 maggio 2016, allo Studio 2 RSI di Lugano - Besso, dalle 18:00

 

È Montaigne, in una celebre pagina degli Essais, a descrivere e a inaugurare il “mito” biografico della follia del Tasso. Quella follia che trova i suoi emblemi nei personaggi della Gerusalemme liberata, dalla malinconica elegia di Erminia:

«Leve perdita è il regno, io co ’l regale
mio alto stato anco perdei me stessa:
per mai non ricovrarla, allor perdei
la mente, folle, e ’l core e i sensi miei. […]
i’ ti ritrovo a pena,
Tancredi, […]
e trovando ti perdo eternamente»

(XIX, 92, 5-8; 105, 5-8),

all’alienazione di Tancredi:

«Temerò me medesmo; e da me stesso
sempre fuggendo, avrò me stesso appresso»

(XII, 77, 7-8).

E che diventa un “mito”, di creazione e amore, nella letteratura e nella coscienza europea, da Goethe a Leopardi, a Baudelaire.

 

Seguici con