Ritratto di Torquato Tasso (Keystone)

Torquato Tasso

"Mai nulla fa chi troppo pensa."

Torquato Tasso (Sorrento, 1544 - Roma, 1595)

Nasce da madre napoletana e padre di origine bergamasca. Compie i primi studi presso i Gesuiti; esule assieme al padre all’età di dodici anni, si forma presso lo Studio di Padova e in alcune fra le principali corti rinascimentali, da Urbino a Ferrara. La sua parabola biografica e artistica, tra creazione e malinconia, riassume e compie il Rinascimento italiano e inaugura la modernità, nell’erranza e nell’inquieta sperimentazione in quasi tutti i generi letterari, nella trentennale dedizione a un “mito”, dal giovanile abbozzo del Gerusalemme alla Gerusalemme conquistata (1593).

 

Approfondimenti paralleli

Viaggio fra i documenti delle teche RSI

Curati dal professor Carlo Ossola, questi due approfondimenti radiofonici dedicati alla figura di Torquato Tasso ne tracciano la vita, i temi e la fortuna letteraria. Particolare attenzione viene rivolta al tema della bellezza femminile (in relazione al duello fra Tancredi e Clorinda), bellezza femminile che costituisce il principale motivo del successo del Tasso presso gli autori romantici. L’eredità del Tasso viene poi sviscerata in modo diffuso nel secondo approfondimento, con riferimenti alla rilettura fatta da Goethe, alla sua fortuna nella letteratura ottocentesca e alla sua presenza nella riflessione poetica di Baudelaire.

 

 

Seguici con