Tutta la troupe di Dora (eddiemotion)

Il sesso è per tutti

A Soletta l'atteso e controverso "Dora", imperniato sulla sessualità di una ragazza con ritardo cognitivo

Una delle prime mondiali più attese proposte dalle 50esime Giornate: il tema di Dora oder di sexuellen Neurosen unserer Eltern è di quelli che attirano l’attenzione.

La sessualità di una ragazza con ritardo cognitivo al centro della vicenda, che esplora le difficoltà di una famiglia nell’affrontare la scoperta delle pulsioni e del desiderio da parte della figlia diciottenne. Dora incontra un uomo “normale”, che nella visione comune ci si aspetterebbe descritto come un laido che approfitta di lei. Quello che di solito in una storia del genere verrebbe sottaciuto è che invece Dora è felice, fiorisce, vive. La madre un po’ meno, perché gli eventi ne mettono a dura prova l’equilibrio psicologico.

 

Il film di Stina Werenfels, in corsa per il Prix de Soleure, ha il merito di indagare una materia complessa in maniera priva di pregiudizi e anzi tutta dalla parte del diritto all’autodeterminazione della giovane. Difetta invece di coerenza narrativa, perché varie situazioni appaiono esagerate e troppi snodi di trama fanno fatica a rendersi credibili allo spettatore.

mz