Carl Lutz, l’eroe dimenticato

La storia vera dello Schindler svizzero

Martedì 27 gennaio 12.00 Palace

 

Regia di Daniel von Aarburg
Prodotto da: SRF, RSI, DOCMINE Productions AG
Documentario – 91’ 
 

Verso la fine della Seconda Guerra Mondiale, il diplomatico svizzero Carl Lutz, dell'Ambasciata svizzera a Budapest, riesce a salvare la vita a decine di migliaia di ebrei ungheresi.

In Ungheria, nel 1944, la persecuzione degli ebrei era in pieno svolgimento. Sfruttando la sua posizione, Lutz decide di correre il rischio e sottrae al macabro destino tra i 50'000 e i 70'000 ebrei ungheresi.

Al termine della guerra, fa ritorno a Berna con la sua compagna e sua figlia, ma invece di essere accolto a casa come un eroe, Lutz viene indagato per aver abusato della sua autorità.

Combatterà aspramente fino alla morte, invano, per riconquistare la reputazione perduta.

Le sue azioni sono rimaste a lungo sconosciute ai più, ma attraverso le parole di Agnes Hirschi, la sua figliastra ungherese, riscopriamo l'incredibile storia di Carl Lutz e i luoghi della vicenda. Al racconto di Agnes si aggiungono le dichiarazioni di testimoni provenienti da tutto il mondo, sopravvissuti all'Olocausto grazie al diplomatico svizzero. Materiale fotografico e pellicole 16 mm di Carl Lutz di quel tempo arricchiscono il documentario di preziose immagini autentiche.

 

 

Chi era Carl Lutz? Un videobook lo racconta

Installa il videobook da AppStore o Googleplay