Seguici con
martedì 13/06/17 16:04 - ultimo aggiornamento: martedì 13/06/17 16:07

L’Orchestra di Piazza Vittorio

a Lugano, Piazza della Riforma, sabato 08 luglio 2017

Houcine Ataa, voc, Emanuele Bultrini,g, Peppe D’Argenzio,s, Duilio Galioto, p,keys, Awalys Ernesto Lopez Maturell,dr, Omar Lopez Valle, tp, flicorno, Carlos Paz Duque, voc, flauti andini, Pino Pecorelli, El Hadji Yeri Samb,perc,voc, Raul “El Cuervo” Scheba, perc, Kaw Dialy Mady Sissoko, voc,kora, Ziad Trabelsi,oud,voc 

 

Tredici musicisti che provengono da dieci paesi e parlano nove lingue diverse. Insieme, trasformano le loro variegate radici e culture in un unico idioma, quello musicale. È l'Orchestra di Piazza Vittorio (OPV). Partendo dalle tradizioni di ogni paese, in dialogo col Rock, il Pop, il Reggae e la Classica, l'OPV produce una sonorità unica e originalissima. Tra musicisti che partono e altri che arrivano, il loro impatto sonoro cambia continuamente senza mai tradire la vocazione iniziale, quella che guarda continuamente a nuove sfide e rimane aperta agli orizzonti del mondo intero. L'OPV rappresenta una perfetta fusione fra culture e tradizioni, fra memorie e sonorità antiche e nuove realizzate con strumenti talvolta sconosciuti. La loro storia risale al salvataggio di un vecchio e storico cinema romano situato in Piazza Vittorio che rischiava di venire trasformato in una sala da gioco. Da lì si sviluppa l’idea di creare un’orchestra sulla spinta di Mario Tronco e Agostino Ferrente nel 2002, all’interno dell’Associazione Apollo 11: un progetto sostenuto da artisti, intellettuali e operatori culturali che hanno voluto valorizzare il rione Esquilino di Roma, dove paradossalmente gli Italiani sono una minoranza etnica. L’OPV rappresenta una realtà unica che promuove la ricerca e l’integrazione di repertori musicali spesso sconosciuti al grande pubblico, costituendo anche un mezzo di recupero e di riscatto per musicisti stranieri che vivono a Roma a volte in condizioni di emarginazione culturale e sociale. L'Orchestra ha all’attivo cinque dischi e oltre 800 concerti in tutto il mondo partecipando, fra gli altri, al Tribeca Film Festival, al Berlin Jazz Festival e al Feldkirch Music Festival.