FRONTALIERS: #CELAPOSSOFARE

Tutto ciò che bisogna sapere sul primo vero film dei Frontaliers

Dal 21 dicembre SOLO al cinema

Stavolta niente DVD, solo cinema. Perché? Già, perché?

Lo scorso mese di maggio, il frontaliere Roberto Giangiulio Bussenghi e la guardia di confine Loris J. Bernasconi hanno girato sotto la guida di Alberto Meroni (regista e produttore de “La Palmira - Ul Film"), "Frontaliers Disaster", il primo vero film dei Frontaliers. Perché è una novità? Perché sembrerà di vedere per la prima volta i Frontaliers al cinema?

Si tratta di un'avventura completamente inedita, un lungometraggio di 100 minuti con un inizio, uno sviluppo e una fine. Una storia originale che garantisce un alto numero di risate a grandi e piccini. L'uscita è prevista per giovedì 21 dicembre.

La trama ruota attorno a un bel po' di situazioni nuove di zecca come si conviene al primo vero film dei Frontaliers che vuole e deve sorprendere, ma nessuno si sogna di stravolgere i cardini della saga.

Saranno della partita il valico di Brusata-Bizzarone (“È la mia vita” - direbbe il Bernasconi) e lo scussa della Sprüngler & Küpfler di colore azzurro (!) del Bussenghi; le sciagurate iniziative del Verunéll, i latrati del cane Rex e il fascino della turista francese Amélie, purtroppo ancora perdutamente innamorata del Berna. Bizzarone, però, a ben vedere, servirà solo da miccia al film che è stato girato su tutto il territorio svizzero italiano e che si potrebbe definire un road movie locale.

FRONTALIERS DISASTER è prodotto da INMAGINE in coproduzione con RSI, ed è distribuito da MORANDINI FILM DISTRIBUTION.